Villa Necchi Campiglio

Via Mozart 14, Milano - Lombardia

Un gioiello d'arte per riscoprire la vita della Milano anni '30

Nel cuore del capoluogo lombardo Villa Necchi Campiglio, immersa in uno splendido giardino e realizzata nel 1935 su progetto del famoso architetto Piero Portaluppi, conserva non solo l’atmosfera di ricercata mondanità dell’alta borghesia milanese dell’epoca, ma anche un’importante collezione di arte donata da Claudia Gian Ferrari, quarantaquattro capolavori del Novecento che recano la firma tra gli altri di Arturo Martini, Giorgio de Chirico, Mario Sironi. La casa-museo, oltre a raccogliere alcune delle più interessanti espressioni artistiche del periodo, è anche il fulcro di due percorsi tematici sulla storia dell’architettura e dell’arte contemporanea, che spaziano tra il quartiere attorno alla villa e la collezione Gian Ferrari.

INDIRIZZO

via Mozart 14, Milano

CONTATTI



SCEGLI LA TUA GITA SCOLASTICA

PERCORSI DI VISITA

Scarica tutti i percorsi di visita

Alla scoperta di Villa Necchi
Per la scuola dell’infanzia e primaria
L’educatore museale conduce i bambini alla scoperta della villa e del giardino, incoraggiandoli a confrontare lo stile di vita del passato con quello moderno. Quali erano i piatti preferiti delle sorelle Necchi, proprietarie della villa? Cosa facevano nel tempo libero? Quali sono le stanze più particolari della casa? In questo modo i bambini riusciranno a mettersi in relazione con il passato, capendo meglio le innovazioni e le invenzioni del presente.
Durata: 1 ora
Villa Necchi Campiglio e il genio di Piero Portaluppi
Per la scuola primaria e secondaria di I e II grado
Il milanese Piero Portaluppi è stato una delle figure più importanti della storia dell’architettura italiana. La sua opera ha segnato il volto della città di Milano nella prima metà del Novecento, grazie alla progettazione di edifici che spaziano dall’Art Déco al Razionalismo e ai suoi interventi di restauro e riqualificazione. Dopo aver visitato Villa Necchi Campiglio, il percorso prosegue tra le vie dell’incantevole quartiere - detto “Quadrilatero del Silenzio” - dove
si possono ammirare importanti progetti firmati da Portaluppi come Palazzo Buonarroti-Carpaccio-Giotto e il Planetario dei Giardini Pubblici.
Durata: 1 ora e 30 minuti
La Collezione Gian Ferrari
Per la scuola secondaria di I e II grado
La visita si sofferma sulla straordinaria collezione donata da Claudia Gian Ferrari ed esposta a Villa Necchi Campiglio. Boccioni, Balla, Sironi, De Chirico, Morandi, Wildt e Martini sono solo alcuni dei grandi nomi di artisti che si incontrano fra le opere della collezione e che consentono un vero e proprio excursus nella vivace e variegata arte di inizio Novecento.
Durata: 1 ora e 30 minuti


PERCORSI TEMATICI

About Villa Necchi Campiglio
Per la scuola secondaria di I e II grado
La visita ha l’obiettivo di offrire dei focus linguistici su alcuni aspetti della collezione, dei materiali e della vita quotidiana a Villa Necchi Campiglio, al fine di implementare il lessico specifico degli studenti, che coniughi nozioni linguistiche e contenutistiche, in accordo con la metodologia CLIL.
Durata: 1 ora e 30 minuti
INFO E PRENOTAZIONI

Rivolgersi al personale del bene (tel. 02 76340121, fax 02 76395526, fainecchi@fondoambiente.it) o ai Servizi Educativi FAI (scuola@fondoambiente.it, Numero Verde 800 501 303).

ORARI

Tutto l'anno: 10-18
Da mercoledì a sabato si accettano scolaresche su prenotazione.

PREZZI A STUDENTE
per un gruppo minimo di 15 studenti
  • Visita di 1 ora: € 6,00
  • Visita di 1 ora e 30 minuti: € 8,00

€ 1,00 di sconto per le classi iscritte al FAI
Insegnanti accompagnatori gratuiti.

NOTIZIE UTILI

• Negozio con pubblicazioni e oggetti ricordo
• Bar-caffetteria della villa tel. 02 76341516

Missione: paesaggio

L'articolo 9 della Costituzione

Concorsi nazionali FAI

scuola infanzia, primaria e secondaria

Formazione

per dirigenti e docenti

Mattinate FAI d'Inverno

una visita a misura di studente

Seguici su Facebook Instagram

Scegli l'Italia

FAI per tutti

Bartolomeo

Apprendisti Ciceroni FAI

IL FAI SUGGERISCE una proposta di gita