In gita a Villa dei Vescovi

Per vivere arte e natura nel paesaggio dei Colli Euganei



Raffinate architetture di inizio Cinquecento, preziosi affreschi manieristi di ispirazione mitologica, un paesaggio rimasto pressoché immutato nel corso dei secoli: questi sono gli ingredienti per una gita scolastica a Villa dei Vescovi.

Intervistiamo oggi la Property Manager di Villa dei Vescovi Silvia Ferri, per scoprire le attività didattiche di questa splendida residenza di villeggiatura, edificata per il Vescovo di Padova tra il 1535 e il 1542 su un terrapieno dei Colli Euganei, e donata al FAI nel 2005.

Alvise Cornaro, Giovanni Maria Falconetto, Lambert Sustris… sono tanti i personaggi che hanno lavorato all’interno della villa, rendendola unica nel panorama veneto: qual è la sua storia?
Il vescovo committente fu Francesco Pisani, mentre per l’esecuzione dell’opera venne incaricato il nobiluomo Alvise Cornaro, amministratore della mensa vescovile dal 1529 al 1537, che affidò il progetto al pittore architetto Giovanni Maria Falconetto (Verona 1468 – Padova 1535). Per le sue caratteristiche architettoniche la villa si allontana dai tradizionali canoni costruttivi locali, per trarre ispirazione dai contemporanei modelli fiorentini, risalendo addirittura agli esempi dell’antichità romana, fornendo così una personale anticipazione della posteriore opera palladiana. Elemento “romano” che si presenta anche negli affreschi con tema mitologico e a grottesche realizzati dal fiammingo Lambert Sustris, allievo di Tiziano.

Storia, mitologia, arte, ma anche geografia e scienze naturali: la villa offre moltissimi spunti interdisciplinari per le scuole. Quale metodo utilizzate per coinvolgere gli studenti?
Una caratteristica comune delle attività educative dei beni del FAI è proprio la metodologia, che chiamiamo “pedagogia della scoperta”: gli studenti non sono dei visitatori “passivi”, ma partecipano in prima persona, lavorando in gruppo, ricercando informazioni, osservando dettagli, leggendo mappe… il tutto accompagnati da educatori museali esperti che sanno guidare i ragazzi in questo percorso di scoperta del bene.

Quest’anno l’offerta alle scuole è arricchita da molte novità, quali?
La villa offre narrazioni e fiabe in costume per i più piccoli, e “visiteattive” per i più grandi, a cui si possono aggiungere laboratori differenti a seconda dell’esigenza della classe: esperienze di pittura dal vero, approfondimenti sulla prospettiva, percorsi condotti con il metodo CLIL e attività di scoperta della natura nel bellissimo parco della villa. Ma non solo: da quest’anno si può abbinare la visita alla villa ad attività sportive, quali percorsi in mountain bike, navigazione su kayak e zattere, per vivere la Villa e il paesaggio circostante a 360°!

» Per maggiori informazioni e prenotazioni CLICCA QUI


Vai all'archivio delle news

FAI PER L'ITALIA. SOSTIENICI.



ARTICOLI CORRELATI

Partecipa al Torneo del paesaggio

Un'esperienza di alto valore...

Partecipa al Torneo Fino al 10 dicembre è possibile partecipare alla gara di cultura... » Leggi

L'importanza di progettare l'uscita didattica

Incontro di formazione per docenti...

Uscite didattiche FAI – Fondo Ambiente Italiano e Fondazione Italia Patria della... » Leggi

Le Saline aprono le porte ai docenti

La raccolta del sale e l'opera...

Le Saline e i docenti Incontro di formazione per docenti e dirigenti per scoprire il... » Leggi

Libriamoci!

Giornate di lettura nelle scuole

Libriamoci! Dal 23 al 28 ottobre torna in tutta Italia Libriamoci. Giornate... » Leggi

Vincitori Premio Scegli l'Italia 2017

II edizione

Premio Scegli l'Italia Premiati i docenti "Ambasciatori di bellezza" con un fantastico... » Leggi

Missione: paesaggio

L'articolo 9 della Costituzione

Concorsi nazionali FAI

scuola infanzia, primaria e secondaria

Formazione

per dirigenti e docenti

Mattinate FAI d'Inverno

una visita a misura di studente

Seguici su Facebook Instagram

Scegli l'Italia

FAI per tutti

Bartolomeo

Apprendisti Ciceroni FAI

IL FAI SUGGERISCE una proposta di gita